Research Projects

beachobatics02

In order to contact InteRGRace members, please write to InteRGRaceItaly@gmail.com

ENGLISH VERSION – FOLLOWS THE ITALIAN VERSION

InteRGRace Collective Research Project (ICRP):

Constructions of the un/marked body in history, culture, and society

InteRGRace Academic Research Group’s first collective project (ICRP) aims at putting the body and its historical, cultural, and social constructions at the centre of the scene. It wants to investigate the discursive and social matter of which discriminations and prejudices are made. Its goal is to explore those intersections between so-called social axes (Kimberlé Crenshaw), or assemblages of social situations (Jasbir Puar) whose crosses every subject is positioned at, and then constructed.

Building on 1970s-1980s French sociologist Colette Guillaumin’s idea of the body as a place where everyday bio-political practices and power relations are inscribed, ICRP sees people as positioned within social hierarchies (of race, gender, class, sexual orientation and identity, cultural and religious belongings, ableism, and age). According to ICRP, following Staurt Hall, race, like all bodily constructions, is a floating signifier of a particular set of situated colonial, settler colonial, and postcolonial power relations. But it is also relational and never fixed once and for all (Stuart Hall; Ruth Frankenberg): it changes – even radically – depending on its functionality. Same bodies can thus be marked (Ruth Frankenberg) and unmarked at the same time in different places, respectively signifying here a ‘space invader’ (Nirmal Puwar) and there the sovereign/hegemonic subject. This versatility depends on the meaning a hegemonic discourse attaches to a subject’s supposed skin colour.

On these theoretical premises, ICRP wants to explore constructions of the body in order to both understand the role of particular discursive devices in the reproduction of stereotypes, and grasp the material effect of symbolic and theoretical apparatus on social, economical, and political relations. These material effects are more than visible, despite latest and contested researches on genome and proclaims of the definitive passing of racial barriers in so-called ‘multicultural’ and ‘post-racial’ contexts. Racial discourses produce prejudices, discrimination and violence against subjects, or, on the contrary, privileges and opportunities for people perceived as “without race”, and/or “white”. The inferiorizing interpretation of skin color, corporal features and appearances, legitimate iniquities and exclusions that go from obstacles in a full acquisition of citizenship, to differential inclusion in welfares, labour markets, and education in a number of contexts, Italy included. In all these cases, racism, in its multiple intersections with other kind of discriminations, is most often the result of both transnational and local variably institutionalized cultural dynamics of neoliberal capitalism.

Body can be a very porous research field allowing broad investigations of related topics through different methodologies. It can also constitute a common framework amongst history, cultural history, cultural studies, sociology, anthropology, colonial and postcolonial studies, semiotics, political philosophy, gender studies, critical studies on race and whiteness. So it is here that ICRP functions as the terrain for a very profitable dialogue.

Building on a truly interdisciplinary and intersectional approach, ICRP fosters a debate that engages ten different scholarly contributions, aiming at bringing to the Italian and international public and academic debate a number of discussions, issues, and theoretical insights on intersectional and discursive/material constructions of racial identities in Italy and transnationally. ICRP includes a mapping of racism in colonial, settler colonial and postcolonial experiences in the British Empire, Australia, United States, and India (Giuliani, Perilli, Petrovich Njegosh) and in the Italian case (Giuliani, Perilli, Proglio); a study of the Italian colonial experience through a Cultural history’s angle (Proglio); an analysis of intersections of gender and racial constructions in colonial and post-colonial national-building processes in Italy and France (Perilli); an exploration of racial transoceanic constructions, between United States and Italy (Petrovich-Njegosh); an analysis of processes of racialisation/subalternisation of young boys and girls of a non-Italian background in contemporary Italy (Frisina); a study of the reproduction of gender, race, and sexuality in processes of securitization (Salerno) and in the coding of disability (Arfini); and a research on the gendering and racialising processes engaged into the transnational reproduction of (migrant) labour’s exploitation in Europe and in Italy (Marchetti, Sacchetto).

Gaia Giuliani’s research activity revolves around the cultural constructions of gendered and racialised ‘identities’ and ‘identity politics’ (or «colour-assignments») within a number of contexts in the Bristish Empire, in the area of the Pacific Ocean and in colonial and metropolitan Liberal, Fascist and Republican Italy through a variety of texts (visual, written, literary, political and social). Her research expertise is in Gender, Cultural and Postcolonial Studies and goes across colonial, settler colonial, and postcolonial history from a feminist, intersectional, interdisciplinary, Critical Race and Whiteness Studies, and Cultural Studies-focused approach. This approach considers Europe (as much as Australia and the US) as historical, cultural, and affective ‘imagined communities’ that have long been constructing self-representations (in terms of politics, culture, history, and social relations including those of ethnicity and race, gender, etc.) within a global geopolitics of gendered and racialised colonial and postcolonial relations (see G. Lipsitz, The Possessive Investment in Whiteness, 1998; R. Frankenberg, Displacing Whiteness, 1997; G. Hage, White Nation, 1998). In particular, it investigates bodily constructions, race and gender as materials of which national identities’ self-representations are made. These self-representations are affected today by globalizing processes that have produced ubiquitous concerns with ‘defending the society’. In the West, generally, these anxieties have often been translated into concerns about maintaining a cultural/ethnic/racial homogeneity within the body politic. There, they have tended to privilege ideas of white ethnicity (‘white fantasies’) as normative, as a form of social ideal which connects otherwise disparate social groups. The result of this process is that whiteness – defined also by categories of heteropatriarchy and homonationalism – becomes a symbolic marker which engenders material, social, political and financial privileges for some and a variety of statuses of inclusion, exclusion and differential inclusion for the most. The first and the latter privilege/subalternity are a variable outcome of the intersections between a number of social axes (gender, sexuality, race, class, cultural belongings, etc.) from, against and within which individual and collective subjectivities and agencies arose.

Annalisa Frisina explores intersections of age, gender, cultural and religious belongings and, with a qualitative and visual approach, she works on socio-cultural construction of bodies of the called “second generation”, i.e. children of migrants in Italy. Following Chalfen (Two ways of looking, 2011), her interest is twofold and includes both appearance and seeing. On one side, she looks at how young bodies appear and are racialized, in which contexts, by whom and with what material effects. On the other side, Frisina investigates how their bodies become vehicles of communication and conflict, starting from their visual self-representations. Her broader theoretical reflection concerns “the right to look” (Mirzoeff) and the construction of a post-colonial countervisuality. Through methods such as photovoice, conflicting gazes and voices become visible/audible by allowing young people to expose Italian racism and to claim their right to look differently. The focus group with “visual questions” permits to create a social context where young people with and without a migrant background can question normative assumptions about the body of Italian nation (white, Catholic, heterosexual). Frisina’s research explicitly seeks a pragmatic relevance for its results and, thanks to regular cooperation with networks and associations of children of migrations, can be useful for training new generations to decolonize their gazes and to unlearn everyday racism.

Tatiana Petrovich Njegosh works on “Bodies, race and nation: contemporary dynamics of racialization in Italian mass culture”. As a number of scholars have argued, the category of race plays a crucial role in the shaping of the Modern and Contemporary Italian identity. The racializing dynamics and processes at work in visual and linguistic bodily representations within the public arena of Post-war Italian mass culture reveal the existence of an Italian color line (W.E.B. Du Bois) where miscegenation stands as a significant, and often masked, national taboo. As she hopes to demonstrate, the bodily images circulating in contemporary mass culture evoke Italians’ double, problematic role (as both racializers and racialized) acquired within the wider circum-Atlantic context of the last two centuries.

The research of Vincenza Perilli focuses in particular on the genealogy of intersections of sex and race with, among others, class, whiteness, and nationality. Race and sex, as devices reproducing dominance and exploitation, are analyzed at the level of language, policies, forms of intelligibility and representations, in particular visual forms as political propaganda posters, advertising and film. They are taken into consideration in a dual perspective: Perilli’s work takes them as both ideological categories (situated at social and political level) resulting from the working of hegemonic structures, and critical categories of analysis potentially generating practices and strategies of resistance. Hence, at the center of the investigation will be crucial moments (and forms) of the emergence of these ‘naturalizing’ categories, caught in the long history of Italian and European racism and colonialism. This in order to measure their persistence and re-articulation in our post-colonial and neo-colonial present. The analysis builds on conceptualizations of identity and bodies as gendered and racialized object that has been developed, in particular, within the field of feminist and gender studies. These theoretical articulations will be also of utmost importance in a problematization of the analytical tools, methodologies, and frameworks she/Vincenza/Perilli will be using and discussing.

Gabriele Proglio works on the representation of the body of Italy (ideas of masculine and feminine body, the body of the nation, ideologies depicting the body of the new citizen in Liberal and Fascist Italy) in two important colonial ruptures: 1911-1912 and 1935-1937. In particular, his historical analysis focuses on the critical discourse analysis of specific set of mass culture texts: newspapers, magazines, comic books dedicated to childhood. In both periods Italian ‘Oversea’ is not only an occasion to celebrate the rebirth of the ‘Grande Italia’ and to exalt military and civil results of Fascism, but also a ‘space of excess’, used to reinvent Italianness (italianità). This space of narration will be used to analyse representations of Italians as white and superior, and the African alterity as non-white and inferior. The research assumes an intersectional perspective to make visible the many genealogies of power and its narrations. The ‘discourse of the nation’ generates new Italians described in terms of biological proprieties (such as the ‘buon italiano’) and social/individual behaviors, and in terms of race, gender, whiteness and blackness.

Elisa Arfini works at the intersection between gender, sexuality and ableism. In her research, disabled bodies are subjects of an inquiry into the construction and deconstruction of disabled bodies, and in particular of the normative discourse that precludes disabled bodies their access to the sexual sphere, to intimacy, and to the erotic. This approach aims at bringing disability out of hyper-specialized disciplinary and professional studies, often aligned with normative agendas, into a broader frame of analysis and into the field of possible political alliances. Without necessarily falling into a metaphoric or paradigmatic use of disabled experiences, disability studies, contrarily to the study of disability, do not seek a remedy for disability or a way to restore a lost integrity. According to the standpoint of disability studies, disability is thus not conceived as an individual problem, but as a social construction that questions normative bodily standards, the surveillance of borders between able and disabled subjects, and the consequences in terms of access and agency that these borders regulate. The specific intersection between disability and sexuality is particularly significant. Both disability and sexuality are social and affective experiences, rich of potential instabilities to mitigate. Both are naturalized, normalized, and privatized experiences that pass as straightforward consequence of certain bodies or of certain instincts, rather than of certain social arrangements. The de-sexualization of people with disability – who struggle to be seen as fully sexual and gendered – can thus become an arena for conflict, and an occasion to understand how disability questions many fundamental assumptions (sovereignty, rationality, independence, control) that define who can count as a subject in contemporary western societies.

The intersection between bodily constructions and strands of gender, sexuality, and race within processes of securitization is at the centre of Daniele Salerno’s works. In particular, they single out two contexts of analysis: security practices for the control over terrorist and criminal phenomena, and migrations – in particular so-called “illegal” migrations by sea. In the first case, it explores how security practices – as boundary producing acts – construct, from the one hand, a “community” to be defended, and from the other, what has to be kept beyond the border and from which to be defended. The use of semantic markers linked to “race”, “gender” and “sex” are pivotal in the construction of community and the consequent creation of mechanisms of immunisation from the Other. After 9/11, securitization from people who were considered potentially suspicious (‘arabs’, ‘muslims’, ‘converts’, ‘suspicious communities’) or the supposed securitization of the Other (e.g. the ‘liberation from the burqa’ of Afghani women), often with the (ab)use of a humanitarian rhetoric, is often passed through a normalisation of bodies, different types of representations functionalised to a biopolitical control. In the second case – and within a research project in its initial stage – Salerno’s work analyses processes of visualisation and narration of border’s trespassing – and in particular of those by sea. This investigation focuses on how the securitization apparatus constitutes the body of the other as object of control. In particular, it investigates the way in which some events (from the sinking of the Albanian boat Kater I Rades in 1997 to the more recent cases) have been elaborated within the public sphere and how the security apparatus influences memorialisation and commemorative discursive practices as well.

In the case of the research carried out by Sabrina Marchetti, the intersection between migrant work, gender, postcolonial dimension and cultural difference is mainly explored on the basis of narratives from Eritrean and Surinamese domestic workers, respectively in Rome and Rotterdam. Their views illustrate how the postcolonial dimension is constantly present in the globalisation of care and in migrant women’s work. Formerly colonised migrant women workers are the paradigmatic example of subjects that have been constructed as Others through colonialism and who have today a pivotal position in the commodification of care at the global level. For this reason, one can see them as gramscian subjects who are in a subaltern position, being at the same time ‘inferior’ and yet ‘necessary’, as well as ‘desired’ and ‘rejected’. In this analysis, Marchetti borrows on the one side from the feminist debate that sees bodies as surfaces upon which, along historical and cultural processes, norms and values get inscribed – and thus determine their gendered and racialised connotations. On the other side, she makes reference to Pierre Bourdieu’s sociological approach. Marchetti shows indeed that the performance of domestic work entails several examples of attitudes, gestures and corporeal movements, which articulate the nexus between body and work. The aim is to draw attention to the issue of ‘bodies at work’, generally absent from contemporary feminist debates on the body. This perspective has recently attracted more attention thanks to the growing interest on the service work sector, and the specificities of workers’ subjectification in this realm. This sector can be considered indeed as the field of production where corporeal performances are intrinsic to the outcome. This is especially so in the case of cleaning and care services performed by domestic workers, babysitters, home-carers, nurses, and so forth, where the interaction between the bodies of those that provide the services and those who receive them is what matters to the job. Along these lines, Marchetti argues that the paid domestic work which today formerly colonized migrants perform in European homes echoes the same organization of work that was at play in the colonies. There indeed the very possibility of survival of colonisers’ élites relied on the availability of local people – i.e. a gendered and racialised subaltern corporeality – that accomplished all everyday reproductive tasks. It is in this perspective, that it is important to investigate whether the specific features of the colonial relationship have survived and are today present in the practices surrounding work, gender and racialization, in Europe.

In the case of ethnographic research of Devi Sacchetto, this intersection aims at problematizing some questions related to migrants’ bodies and labour that supported the production and reproduction of racist practices in contemporary Italy. In particular, his analysis focuses on how race is preserved daily, in the frame of its formal denial, as construction of the separation and as social organization of  bodily differences. The segmentation of the labor market in Italy – as well as at transnational level – is a process developing through a complex intersection of gender, age, race and nationality inscribed on the body of migrants. The patterns of migration to and from Italy, as well as the foreign policy and the more recent Italian direct investments abroad, are considered crucial elements of the processes of racialization of the labor market. During the last few years these lines of separation has been sometimes broken. The main hypothesis of Sacchetto is that the persistence and relevance of these labour bio-politics governing bodies as labour force should be assessed in the light of the transformations and the political dimension of the labor market. He argues that through the lens of race is possible to highlight the new “labor question” and the political nature of the labor market. Sacchetto’s research aims at underlinying that there is a hierarchical distribution of differences that is possible to note at the level of production processes, in which the color line is one of the elements mobilized in varying degrees, along with others, to play an heterogeneous and separate ‘race at work’. The political creation of this working race began in Italy about forty years ago: it is politically isolated in terms of rights, and its management may take the name of racism. The race may exist today within processes of racialization that deny his existence, as a device of social hierarchy that produces a real “democratic differentiation” in which diversity is reproduced as inferiority and material separation. This process, as already noted by Giuliani, Perilli and Proglio and others, has a historical and discursive dimension in one of its base pillars. The process is based and nourished in the labor market and it takes advantage of the contribution of the institutional and administrative sector.

 

ITALIAN VERSION:

PER UN’ANALISI INTERDISCIPLINARE ED INTERSEZIONALE DELLE COSTRUZIONI STORICHE, CULTURALI E SOCIALI DEL CORPO

InteRGRace-Gruppo di ricerca accademico si propone di rendere visibili a livello nazionale e internazionale il dibattito e le ricerche sul tema cardine delle costruzioni storiche, culturali e sociali del corpo in relazione alle forme di discriminazione ed esclusione su base razziale, di genere, sessuale, culturale, religiosa e/o di classe, di età e ableismo.

Il corpo costruito, come la sociologa Colette Guillaumin sottolineava negli anni ottanta, è il luogo in cui si inscrivono le pratiche politiche e le relazioni di potere nel quotidiano. Una determinata ‘costruzione del corpo’ posiziona le persone all’interno di gerarchie sociali – di razza, genere, classe, appartenenza culturale e religiosa, orientamento e identità sessuale, di ableismo ed età – che ne stabiliscono egemonia e subalternità, centralità e marginalità all’interno dei dispositivi di riproduzione delle relazioni di potere.

Il corpo rappresenta un ambito di ricerca dai confini potenzialmente molto porosi, in grado di far convergere un raggio di tematiche e metodologie molto ampio. Esso viene a costituire la cornice entro la quale storia, storia culturale, studi culturali, sociologia, antropologia, studi coloniali e postcoloniali, semiotica, filosofia politica, studi di genere, studi critici sulla razza e la bianchezza possono dialogare in modo estremamente fruttuoso.

A partire da un approccio interdisciplinare e intersezionale, la ricerca di InteRGRace unisce i vari contributi interni al Gruppo e si proietta su territori, dibattiti e discorsi sviluppati a livello nazionale e internazionale. In essa, le costruzioni del corpo marked and unmarked (Ruth Frankenberg) vengono indagate attraverso l’intersezione della razza con gli altri assi sociali sopra indicati al fine non solo di comprendere i dispositivi di riproduzione discorsiva della stessa, ma soprattutto di intercettare la ricaduta materiale degli apparati retorici e simbolici nelle relazioni sociali, economiche e politiche. In linea di massima infatti – nonostante il lustro alle teorie genetiche della razza generato dalle recenti e contestate ricerche sul genoma e i proclami di superamento ‘definitivo’ delle barriere razziali in casi come quello della potenza statunitense – la razza ha effetti materiali visibili: genera pregiudizio, discriminazione e violenza nei confronti dei gruppi razzializzati, o, viceversa, garantisce privilegi e opportunità a coloro i quali sono percepiti come “senza razza”, e/o “bianchi”. Anche in Italia, l’interpretazione inferiorizzante del colore della pelle, della fattezza corporea e dell’apparenza costruita determina disuguaglianze nell’accesso ai diritti sociali e di cittadinanza, alla salute, al reddito e all’istruzione. Tali effetti non si manifestano sempre e solo in modo evidente e violento, come risultato della politicizzazione del ‘pregiudizio e dell’ignoranza’. Si tratta più spesso dell’effetto di dinamiche culturali variabilmente istituzionalizzate, contestuali ma anche riprodotte su traiettorie transnazionali, funzionali al regime di disuguaglianza e sfruttamento di cui si nutre il capitalismo neoliberista globale.

white-customers-only

L’intersezione tra genere, razza, classe, identità e orientamento sessuale, appartenenza culturale, territoriale e religiosa da un punto di vista storico e contemporaneo è al centro, in particolare, delle ricerche di Gaia Giuliani, Gabriele Proglio, Vincenza Perilli, Tatiana Petrovich Njegosh e Annalisa Frisina. Esse si concentrano sulla mappatura del razzismo nelle esperienze coloniali, settler colonial e postcoloniali nei due oceani (impero britannico, Australia, Stati Uniti e India) e nell’esperienza italiana (Giuliani); sullo studio dell’esperienza coloniale italiana dal punto di vista della storia culturale (Proglio); sull’analisi dell’intersezione, in Italia e in Francia, tra costruzioni di genere e razza nei processi di formazione della nazione, nell’esperienza coloniale e in quella cosiddetta postcoloniale contemporanea (Perilli); sullo studio delle costruzioni razziali transoceaniche – tra Stati uniti e Italia – (Petrovich-Njegosh) e dei processi di razzializzazione e delle forme di soggettivazione dei/delle figli/e delle migrazioni nell’Italia contemporanea (Frisina); sullo studio delle forme di riproduzione del genere, dela razza e della sessualità nei processi di sicurizzazione (Salerno) e nella codificazione della disabilità  (Arfini); sull’analisi delle intersezioni tra lavoro migrante, genere, dimensione coloniale e postcoloniale e differenza culturale (Sabrina Marchetti e Devi Sacchetto).

Annalisa Frisina esplora in particolare l’intersezione di età, genere, appartenenza culturale e religiosa e, con un approccio metodologico qualitativo e visuale, si interroga sulla costruzione socio-culturale dei corpi dei/delle giovani figli/e delle migrazioni in Italia. Seguendo Chalfen (Two ways of looking, 2011), l’interesse è duplice e riguarda l’apparenza e il vedere. Da una parte, quindi, come i corpi di questi/e giovani appaiono e vengono razzializzati, in che contesti, da chi e con quali effetti materiali. Dall’altra, come i loro corpi diventano veicolo di comunicazione e di conflitto, a partire dall’esplorazione delle loro autorappresentazioni visuali. La ricerca si inserisce nella più ampia riflessione sul “right to look” (Mirzoeff) e sulla costruzione di una contro-visualità postcoloniale. Attraverso metodi come il photovoice vengono resi visibili/udibili gli sguardi/le voci conflittuali di giovani che denunciano il razzismo insito nell’immaginario dominante italiano e rivendicano il diritto di apparire/vedere altrimenti, mostrando le pluriappartenenze che essi incarnano. L’uso dei focus group con domande visuali è finalizzato a creare le condizioni perché giovani autoctoni in dialogo con i/le figlie delle migrazioni possano mettere in discussione le assunzioni normative sul corpo della nazione italiana (bianca, cattolica…). Il lavoro di ricerca persegue esplicitamente una rilevanza pragmatica dei suoi risultati e, anche attraverso assidue collaborazioni con reti e associazioni di figli/e delle migrazioni che si sono mobilitati nello spazio pubblico italiano negli ultimi dieci anni, è utilizzabile in chiave formativa con le nuove generazioni per decolonizzare gli sguardi e disimparare il razzismo quotidiano.

La ricerca di Tatiana Petrovich-Njegosh si concentra su ‘corpi, razza e nazione: dinamiche di razzializzazione contemporanee nella cultura di massa italiana’. Nello specifico, adottando una prospettiva di taglio culturalista intersezionale, transnazionale e transdisciplinare, il suo lavoro si occupa delle dinamiche di razzializzazione generate dalla rappresentazione visuale e linguistica del corpo nella cultura di massa italiana dal secondo dopoguerra a oggi. In dettaglio, esso cerca di dimostrare e documentare l’esistenza di una linea del colore italiana e transnazionale nella quale gli italiani, in virtù di dinamiche di razzializzazione sia locali sia globali poco esplorate o addirittura cancellate, hanno un doppio, problematico ruolo: razzializzatori e razzializzati. Esso, poi, vuole far emergere la centralità, ancora oggi, di un aspetto apparentemente marginale che distingue il razzismo coloniale fascista, prepara alle leggi razziali antisemite e acquista ulteriore valore se considerato in prospettiva comparata con gli Stati Uniti: il tabù/divieto della mescolanza “razziale”. La linea del colore (la frontiera più o meno impermeabile che assegna ai corpi bianchezza o nerezza negli Stati Uniti della schiavitù e della Segregazione) non è una caratteristica esclusivamente statunitense, ma, come ha sostenuto lo studioso africano-americano W.E.B. Du Bois, un fenomeno transnazionale tipico della contemporaneità che si riflette e declina, in modi contraddittori ed eterogenei, nella politica e nelle leggi (teorie razziali, manifesti, legislazione sui matrimoni misti e assistenza sociale), ma anche e soprattutto nelle pratiche quotidiane, linguistiche, culturali, artistiche (fumetti, pubblicità, letteratura, fotografia e mass media) del recente passato e del presente.

La ricerca di Vincenza Perilli si concentra in particolare sulla genealogia di alcuni di questi dispositivi, quali il “sesso” e la “razza”, al centro di specifici e interconnessi sistemi di dominio e sfuttamento (razzismo e sessismo) attraversati e modulati da altri assi di potere e gerarchizzazione (quali, tra gli altri, classe, whiteness, nazionalità). Questi dispositivi sono analizzati (a livello dei linguaggi, delle politiche, delle forme di intelligibilità e delle rappresentazioni, in particolare visuali come manifesti di propaganda politica, pubblicità e cinema) a partire da una duplice prospettiva: da una parte assumendoli come categorie ideologiche (politicamente, socialmente e storicamente situate), elaborate dalle razionalità dominanti e dall’altra come categorie di analisi critica potenzialmente generatrici di pratiche e strategie di resistenza. Per queste ragioni, al centro dell’indagine vi sono, in prima battuta, i momenti (e le forme) di emergenza di tali categorie come categorie naturalizzanti nella lunga storia dei razzismi e dei colonialismi del passato (in specie italiani ma con un approccio comparativo con altri contesti nazionali e transnazionali), al fine di misurare la loro persistenza e ri-formulazione nel nostro presente post-coloniale/neo-coloniale. In secondo luogo, l’analisi prende in consegna le concettualizzazioni critiche delle identità e dei corpi contemporaneamente “genderizzati” e “razzizzati” (elaborate in particolare nell’ambito degli studi femministi e di genere) problematizzandone e storicizzandone gli strumenti teorici e le griglie di lettura.

La ricerca di Gabriele Proglio riguarda la rappresentazione del corpo in Italia (il corpo di uomini e donne, il corpo della Nazione, i modelli corporei del nuovo cittadino e della nuova cittadina dello Stato Liberale e di quello fascista) in due cesure coloniali importanti: il 1911-1912 e il 1935-1937. In particolare, l’analisi storica è volta a decostruire fonti specifiche: giornali, riviste, fumetti dedicati al mondo dell’infanzia. Nei due periodi presi in esame, l’oltremare non si presenta solamente come occasione per celebrare la rinascita della “Grande Italia”, per esaltare i risultati militari e civili del fascismo, ma anche quale spazio accessorio, in aggiunta, all’italianità, utile per ripensare, tramite costruzioni culturali nazionaliste e per contrasto alle forme dell’Altro africano, le centralità del maschile, del bianco, dell’italiano. Lungi dal pensare questa revisione come un processo univoco, la ricerca adotta una prospettiva intersezionale per leggere le numerose genealogie che si alternano nelle diverse narrazioni. A ciò si aggiunga, poi, la questione nazionale, ossia l’impiego dei discorsi coloniali per la rielaborazione di un corpo fisico e simbolico del “tipo nazionale”, con importanti conseguenze anche per ciò che concerne il tema della patria. Il fine ultimo è di generare nuovi individui, attraverso un’attenta elaborazione discorsiva che ridefinisce non solo le qualità biologiche del ‘buon italiano’, ma anche le sue caratteristiche comportamentali, i rapporti di “razza”, di genere, di bianchezza e di nerezza, di egemonia nei confronti delle alterità.

La ricerca di Gaia Giuliani muove dalla filosofia politica per approdare agli studi culturali passando per gli studi di genere, gli studi coloniali e postcoloniali e gli studi critici sulla razza e la bianchezza. La sua è una ‘mappatura della razza assegnata ai corpi’ su traiettorie nazionali e transnazionali: essa esplora il posizionamento del corpo – che esso sia risultato dei dispositivi di potere o di un processo di soggettivazione – nelle intersezioni tra costruzioni di razza, genere, classe, sessualità e differenza culturale/religiosa. Il suo metodo è l’analisi critica del discorso e il metodo decostruttivo. I testi presi in esame vanno dal cinema alla letteratura, dai protocolli scientifici del positivismo europeo, statunitense e australiano ai dibattiti di eugenetica, dalle raffigurazioni artistiche ai manuali per gli ufficiali dell’immigrazione, dai fumetti coloniali e postcoloniali ai prodotti televisivi, dalla pubblicità commerciale alle leggi razziali, dai concorsi di bellezza ai giocattoli per bambini e bambine. Partendo dalle analisi e dalle suggestioni teoriche di studiose e studiosi come Colette Guillaumin, Stuart Hall, Nira Yuval-Davis, Ruth Frankenberg e Ghassan Hage, il lavoro di Giuliani si fonda sull’idea secondo cui il fenotipo esiste ma non ha significato al di fuori dei regimi discorsivi, all’interno dei quali la razza, e parimenti il genere, viene assegnata, siano tali regimi i miti fondativi della nazione, dell’impero o della colonia settler – nel passato, nel presente e nel futuro. La sua ricerca si muove su tre traiettorie: la prima corrisponde ad una mappatura dell’assegnazione della razza tra le ‘white shores’ del Pacifico (Australia e USA) e dell’Atlantico (Europa e Nord America); la seconda all’indagine sulla costruzione delle identità razziali e la conseguente razzializzazione dei corpi nel processo di costruzione della nazione in Italia e nelle sue esperienze coloniali. Queste ultime vengono messe costantemente a confronto con le altre nel continente africano e nell’area del Mediterraneo. In questo secondo caso, il lavoro di inchiesta culturale e storica si estende sino alla contemporaneità, indagando la costruzione del corpo ‘normativo’ come ‘corpo maschile, bianco e mediterraneo, eterosessuale e cattolico’ e le ricadute di tale immaginario sulla codificazione delle ‘differenze’ di razza, appartenenza culturale, religiosa, di genere e identità e orientamento sessuale in Italia e in Europa (1945-2013). La terza, infine, corrisponde all’analisi della ‘mobilitazione dei corpi’ in virtù di ‘fantasie di bianchezza’ e di ‘eteronormatività’ intrinseche alle utopie di supremazia bianca che popolano gli scenari distopici e catastrofici. Questi scenari, legati alla dimensione globale dei conflitti e dei mutamenti dell’ecosistema, sono oggi resi oggetto sia delle retoriche e dei discorsi tanto politici quanto militari sulla prevenzione e il disaster management sia dei discorsi e delle politiche di riorganizzazione sociale e restrizione della cittadinanza.

L’intersezione tra genere, sessualità e ableismo caratterizza il lavoro di Elisa Arfini. Nel suo percorso i corpi disabili sono s\oggetti di una ricerca che interroga la costruzione e decostruzione del corpo dis\abile, e in particolare della discorsività normativa che ostacola i corpi disabili nell’accesso alla sfera sessuale, all’intimità, all’erotico. La prospettiva adottata cerca di far uscire lo studio della disabilità dai settori ultra-specialistici volti – sostanzialmente – alla sua normalizzazione, e di restituirla come s\oggetto d’indagine più ampio ma anche come campo di alleanza politica. Senza scadere in un uso meramente paradigmatico o metaforico dell’esperienza disabile, i disability studies si distiguono dallo studio ‘sulla’ disabilità perché non sottoscrivono un percorso normalizzante finalizzato a trovare un rimedio alla disabilità o a restituire al corpo disabile un’integrità perduta. In questo quadro la disabilità non è più un problema individuale di alcuni soggetti, ma un prodotto sociale che indaga gli standard normativi corporei, la costruzione del confine sociale tra abilità e disabilità, e le conseguenze in termini di accesso ai processi di soggettivazione che questo confine regola. L’intersezione tra disabilità e sessualità è particolarmente fertile. I due campi sono infatti densi di potenziali instabilità da mitigare normativamente; inoltre, le due esperienze sono entrambe naturalizzate, normalizzate, considerate il prodotto dei corpi e non l’esito di una orchestrazione appresa. La desessualizzazione del disabile – non pensabile come s\oggetto del desiderio, né tantomeno come pienamente sessuato (Uomo o Donna) – è allora sia terreno di una potenziale conflittualità, sia l’occasione per vedere come la disabilità metta in crisi molti dei pilastri (autonomia, razionalità, indipendenza, controllo, etc.) su cui si fonda la concezione di soggetto nelle società Occidentali contemporanee.

L’intersezione tra costruzione dei corpi e linee di “genere”, “sesso” e “razza” all’interno dei processi di securitizzazione è al centro dei lavori di Daniele Salerno. In particolare essi individuano due contesti di analisi: le pratiche di sicurezza tese al controllo di fenomeni terroristici e criminali;  le migrazioni e, in particolare, gli attraversamenti “clandestini” per mare. Nel primo caso esso esplora come le pratiche di sicurezza costruiscono, da un lato, una visione della comunità da difendere, e dall’altro, ciò che ne deve rimanere fuori e da cui è necessario difendersi. La costruzione della “comunità” e il conseguente principio di “immunizzazione” dall’altro viene filtrato soprattutto attraverso i dispositivi di “razza” e “sesso”. Negli anni successivi all’11 settembre la securitizzazione dal potenzialmente sospetto (“arabo”, “musulmano”, “convertito”) o la presunta securitizzazione dell’altro (ad esempio la “liberazione dal burqa” delle donne afghane), con l’abuso di una retorica umanitaria, è spesso passato attraverso una normalizzazione dei corpi, attraverso diversi tipi di rappresentazioni, tesa a un loro controllo biopolitico. Nel secondo caso – e all’interno di un filone di ricerca ancora agli inizi – il lavoro di Salerno analizza i processi di visualizzazione e narrazione degli attraversamenti di confine – e in particolare di quelli compiuti per mare. Anche in questo caso esso si concentra sui modi con cui il dispositivo securitario costruisce il corpo dell’altro come oggetto di controllo. In particolare indaga il modo in cui alcuni eventi (dall’affondamento della nave albanese Kater I Rades del 1997 a casi più recenti) siano stati elaborati all’interno dell’arena pubblica e come il dispositivo securitario, che obbliga all’espulsione dei migranti, agisca anche sui processi del “diritto alla memoria”, “diritto alla sepoltura” e più generalmente nelle dinamiche di costruzione della memoria e di pratiche commemorative delle vittime.

Nel caso del lavoro di Sabrina Marchetti l’intersezione tra lavoro migrante, genere, dimensione coloniale e postcoloniale e differenza culturale è stata esplorata in particolare nelle narrazioni delle domestiche eritree a Roma e Surinamesi a Rotterdam per illustrare come la dimensione postcoloniale sia tuttora presente nella globalizzazione della cura e nel lavoro delle donne migranti. Le donne (ex) colonizzate, lavoratrici migranti, offrono l’esempio paradigmatico di soggetti che sono stati costruiti come Altri dal colonialismo e sono, oggi, al centro di un processo di mercificazione nel mercato globale. È per questo che ad esse si può guardare, in termini gramsciani, come soggetti in posizione subalterna che sono “inferiori ma necessari” e al tempo stesso “desiderati e rifiutati”. Nel far ciò, Marchetti attinge da un lato al dibattito femminista che guarda ai corpi come superfici su cui, attraverso processi di carattere storico e culturale, vengono “iscritti” obblighi, norme e valori che ne determinano la categorizzazione di razza e genere al tempo stesso. Dall’altro, fa riferimento all’analisi delle disposizioni corporee portata avanti da studiosi e studiose che si ispirano alle metodologie di indagine sociologica di Pierre Bourdieu. Marchetti mette in luce, infatti, come la performance del lavoro domestico contenga innumerevoli esempi di come atteggiamenti, gesti e movimenti corporei che esplicitano il nesso fra corporeità e lavoro. Il tentativo è quello di soffermarsi sulla questione dei “corpi che lavorano”, generalmente assente dal dibattito contemporaneo sulla corporeità. Negli ultimi anni tuttavia, in coincidenza con il fiorire di ricerche sul funzionamento del settore dei servizi, essa ha iniziato a ricevere una maggiore attenzione all’interno della riflessione sulla soggettività dei lavoratori. Il terziario, infatti, può essere considerato come esempio di un comparto nel quale la realizzazione del prodotto finale passa proprio attraverso l’elemento della corporeità. In particolare, nel lavoro di assistenza e pulizia, svolto in ambito sia privato – da collaboratrici domestiche, baby-sitter e assistenti familiari – sia pubblico – da assistenti e infermiere che lavorano presso ospedali e case di cura – la corporeità è protagonista. Ciò è dovuto sia alla ricorrente interazione fra il corpo di chi presta le cure e quello della persona che le riceve, sia alla relazione fra il corpo della lavoratrice domestica e gli oggetti (da lavare, lucidare, riporre, ecc.) con cui essa interagisce. Tale visione rimanda al dibattito sulla sessuazione e razzizzazione dei corpi nella misura in cui i lavori che sono maggiormente incentrati su performance corporee sono proprio quelli considerati di basso rango e pertanto caratterizzati da un’alta concentrazione di donne, neri e migranti, specialmente in contesti postcoloniali. In questo modo, Marchetti arriva a dimostrare come il lavoro domestico svolto attualmente da lavoratrici ex-colonizzate sia in linea con la distribuzione dei carichi di lavoro che avveniva nelle colonie, dove per gli europei in colonia la possibilità stessa di vivere secondo standard occidentali dipendeva dalla disponibilità di una corporeità subalterna, sessuata e razzizata, alla quale erano demandati i compiti di assistenza, sostegno e cura. Alla luce di queste considerazioni, è interessante verificare se e in quale misura le caratteristiche della relazione fra i colonizzatori europei e i colonizzati siano correlate allo specifico contesto coloniale o non siano invece sopravvissute ad esso, penetrando fin dentro il cuore dell’Europa contemporanea dove si può osservare il riprodursi di pratiche simili dal punto di vista lavorativo e dell’incorporazione rispetto a genere, classe e “razza”.

Nel caso delle ricerche etnografiche di Devi Sacchetto, tale intersezione mira a problematizzare alcuni nodi relativi al lavoro e alla mobilitazione dei corpi nel mercato nazionale del lavoro migrante che hanno sostenuto la riproduzione del discorso e delle pratiche razziste nell’Italia contemporanea. In particolare, la sua analisi si sofferma su come la razza sia riprodotta materialmente, nella cornice della sua negazione formale, come costruzione di separazione e organizzazione sociale delle differenze. La segmentazione flessibile del mercato del lavoro in Italia – ed a livello transnazionale – si sostiene infatti intorno a stratificazioni complesse di genere, colore della pelle e nazionalità dei migranti. Le caratteristiche delle migrazioni da e verso l’Italia, così come la politica estera e i più recenti investimenti all’estero italiani, sono elementi cruciali dei processi di razzializzazione del mercato del lavoro. Se nel corso degli ultimi anni queste linee di separazione sono state talvolta incrinate, la tesi di base del lavoro di Sacchetto è che la loro persistenza e rilevanza debba essere valutata alla luce delle trasformazioni e della dimensione politica del mercato del lavoro. In tal senso, attraverso il significante razza si possono, a suo avviso, porre in nuova luce la questione operaia e della politicità del mercato del lavoro. Si tratta di una distribuzione gerarchica della differenza che si sostiene al livello della produzione, nella quale la linea del colore rappresenta uno degli elementi mobilitati in misura variabile, insieme con altri, per la riproduzione di una ‘razza operaia’ eterogenea e separata, politicamente isolata sul piano dei diritti, la cui costruzione è iniziata in Italia da oltre un quarantennio e la cui gestione può assumere il nome di razzismo. La razza può così esistere oggi all’interno di processi di razzializzazione che ne negano l’esistenza, come disposi­tivo di gerarchizzazione sociale che produce una vera e propria differenziazione democratica nella quale la diversità è riprodotta come inferiorità e separazione materiale. Questo processo, come già rilevato, tra gli altri, da Giuliani, Perilli e Proglio, ha nella dimensione storico-discorsiva uno dei suoi pilastri costitutivi, e trova nelle articolazioni del mercato del lavoro e nel suo contenuto politico le basi materiali della sua riproduzione, avvalendosi del contributo decisivo dell’apparato istituzionale e amministrativo.